Sviluppo sostenibile: bando di concorso per progetti a favore delle pari opportunità

Ittigen, 25.06.2019 - L'Ufficio federale dello sviluppo territoriale (ARE) indice un bando di concorso nel quadro del Programma di incentivazione per lo sviluppo sostenibile 2019-2020. I progetti sostenuti contribuiscono alla realizzazione dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) dell’Agenda 2030 dell’ONU. Il tema di quest’anno è quello delle pari opportunità.

Il Programma di incentivazione per lo sviluppo sostenibile realizza l’Agenda 2030 in Svizzera, sostenendo progetti in ambiti ritenuti prioritari. La Confederazione ha individuato un’importante necessità d'intervento nella questione delle pari opportunità, che rientra in particolare nell’obiettivo 10 concernente la «riduzione delle disuguaglianze». La tematica è legata a numerosi altri OSS, ad esempio alla lotta contro la povertà (OSS 1), alle pari opportunità in materia di salute (OSS 3) o di educazione (OSS 4).

Le notevoli disuguaglianze riscontrate a livello mondiale rappresentano uno dei maggiori ostacoli allo sviluppo sostenibile e alla lotta contro la povertà. Esse limitano le possibilità di alcuni gruppi della società di partecipare pienamente alla vita sociale, culturale, politica ed economica. Il principio delle pari opportunità prevede che tutti gli individui abbiano le stesse possibilità di sviluppo sociale a prescindere da età, sesso, disabilità, etnia, religione, stato economico o luogo di residenza.

Il Programma di incentivazione 2019-2020 mira a sostenere iniziative innovative e replicabili, a favore delle pari opportunità di Cantoni, Comuni, città o terzi. Si tratta di progetti che promuovono l'autonomia e l'inclusione sociale, economica e politica di persone o gruppi. Possono essere proposte anche iniziative aventi un importante effetto leva sulla sensibilizzazione e sull'attuazione dell'Agenda 2030 in Svizzera.

I dossier devono essere inoltrati entro il 30 settembre 2019. Le informazioni riguardanti i criteri da soddisfare e i documenti relativi al bando di concorso sono disponibili sul sito dell’ARE.

I 17 obiettivi di sviluppo sostenibile costituiscono la chiave di volta dell'Agenda 2030 dell’ONU in quanto tengono conto in maniera equilibrata delle tre dimensioni dello sviluppo sostenibile, ossia della dimensione economica, sociale ed ecologica. Per la prima volta, un solo documento programmatico riunisce lo sviluppo sostenibile e la lotta alla povertà. Gli obiettivi di sviluppo sostenibile dovranno essere realizzati entro il 2030 da tutti gli Stati membri dell’ONU, e quindi anche dalla Svizzera.

Programma di incentivazione per lo sviluppo sostenibile

Dal 2001, nel quadro del Programma di incentivazione per lo sviluppo sostenibile, l'ARE ha sostenuto circa 400 progetti riguardanti gli appalti pubblici, la coesione sociale, i quartieri sostenibili, l'alimentazione o i processi strategici. L'importo massimo dei contributi ammonta a 20 000 franchi. Il programma si inserisce nel piano di realizzazione della Strategia per uno sviluppo sostenibile del Consiglio federale.

Nel 2018-2019 la Confederazione sostiene 26 progetti

Il Programma di incentivazione 2018-2019 sostiene 26 progetti concernenti il «consumo responsabile», che rientrano nel quadro dell'obiettivo 12, e che saranno realizzati entro fine 2019. Delle soluzioni innovative sono attuate in tutta la Svizzera nei seguenti ambiti: sensibilizzazione e promozione del consumo responsabile, lotta allo spreco alimentare, riduzione dei rifiuti, educazione in vista di uno sviluppo sostenibile. Si tratta di buoni esempi che la Confederazione mira a diffondere perché possano essere riprodotti da altri attori all'interno del Paese. Le descrizioni dei progetti sono disponibili sul sito dell’ARE.


Indirizzo cui rivolgere domande

Ufficio federale dello sviluppo territoriale ARE
+41 58 462 40 60
info@are.admin.ch
https://twitter.com/AREschweiz



Pubblicato da

Ufficio federale dello sviluppo territoriale
https://www.are.admin.ch/are/it/home.html

https://www.are.admin.ch/content/are/it/home/media-e-pubblicazioni/comunicati-stampa/medienmitteilungen-im-dienst.msg-id-75485.html