Il Consiglio federale adotta il messaggio concernente l'Iniziativa paesaggio

Berna, 01.09.2021 - Nella sua seduta del 1° settembre 2021 il Consiglio federale ha adottato il messaggio concernente l'iniziativa popolare «Contro la cementificazione del nostro paesaggio (Iniziativa paesaggio)», chiedendo al Parlamento di sottoporre l'iniziativa al voto del Popolo e dei Cantoni con la raccomandazione di respingerla. Il Consiglio federale sostiene invece il controprogetto indiretto posto in consultazione dalla Commissione dell'ambiente, della pianificazione del territorio e dell'energia del Consiglio degli Stati (CAPTE-S). Il 12 maggio 2021 il Consiglio federale aveva già deciso di rinunciare a un proprio controprogetto indiretto.

L'Iniziativa paesaggio mira a rafforzare il principio della separazione dei comprensori edificabili da quelli non edificabili e a limitare il numero di edifici e la superficie da essi occupata nei comprensori non edificabili. L’iniziativa, inoltre, elenca dei principi atti a limitare la costruzione di nuovi edifici e impianti e la modifica di edifici e impianti esistenti nei comprensori non edificabili. I Cantoni dovranno presentare un rapporto in merito all'esecuzione dell'articolo constituzionale. Le modalità di tale obbligo di rendiconto dovranno essere definite dal legislatore.

Il Consiglio federale accoglie favorevolmente l'orientamento dell'Iniziativa paesaggio. Il rafforzamento del principio di separazione proposto e l'auspicata limitazione del numero di edifici e della superficie da essi occupata nei comprensori non edificabili costituiscono un approccio adeguato per poter frenare la continua perdita di terreno coltivo. Secondo il Consiglio federale, tuttavia, l'iniziativa lascia aperte importanti questioni relative all'attuazione. Ad esempio, non viene precisato concretamente come l'auspicato obiettivo di limitazione debba essere raggiunto. Questi punti fondamentali dovrebbero perciò essere chiariti a livello legislativo, senza che dal testo dell'iniziativa si possano desumere direttive chiare a riguardo. In caso di accettazione dell'iniziativa non si otterrebbe quindi molto nell'ottica di una successiva procedura legislativa. Inoltre, non è sufficientemente chiaro se le diverse disposizioni giuridiche in vigore, in particolare quelle che concernono le prescrizioni vigenti in materia di agricoltura non dipendente dal suolo, siano compatibili con l’articolo costituzionale proposto. In caso di sì all'iniziativa, il quadro giuridico in materia di costruzioni al di fuori delle zone edificabili rimarrebbe infine incerto per un lungo periodo di transizione. Il 18 dicembre 2020 il Consiglio federale aveva già preso la decisione di principio per il rigetto dell'Iniziativa paesaggio.

Secondo il Consiglio federale, il disegno di legge della Commissione dell'ambiente, della pianificazione del territorio e dell'energia del Consiglio degli Stati (CAPTE-S) ha già integrato e concretizzato le esigenze salienti dell'Iniziativa paesaggio. Di conseguenza, rinuncia a elaborare un proprio controprogetto indiretto. La consultazione in merito al disegno della CAPTE-S è stata aperta il 21 maggio 2021 e durerà fino al 13 settembre 2021.


Indirizzo cui rivolgere domande

Maria Lezzi, direttrice dell'Ufficio federale dello sviluppo territoriale (ARE), tel. +41 58 464 25 97 (comunicazione)



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Segreteria generale DATEC
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ufficio federale dello sviluppo territoriale
https://www.are.admin.ch/are/it/home.html

https://www.are.admin.ch/content/are/it/home/media-e-pubblicazioni/comunicati-stampa/medienmitteilungen-im-dienst.msg-id-84934.html