Popolazione e società

La popolazione della Svizzera è più che raddoppiata nell’ultimo secolo. Fino agli anni '90, in particolare le cinture urbane, ma anche molti Comuni nelle regioni rurali, hanno registrato forti tassi di crescita. Negli ultimi due decenni, sono state soprattutto le città a crescere in maniera esponenziale.

Distribuzione della popolazione sul territorio

Per più di un secolo la Svizzera ha conosciuto una crescita demografica continua e spesso forte. Il 1978 è stato l'ultimo anno in cui si registrato un calo demografico. Tra il 2010 e il 2020, i tassi di crescita annuali sono stati per lo più superiori all'uno per cento, a partire dal 2018 leggermente inferiori. A livello regionale, tuttavia, le differenze sono talvolta notevoli. Nell'area metropolita-na di Zurigo, così come nell'Arco lemanico e dintorni, in alcuni Comuni si può osservare una crescita molto elevata. La diminuzione della popolazione si verifica in singole località nel Giura e in molte valli (laterali) delle Alpi.

Distribuzione territoriale dei posti di lavoro

Considerando l’intero territorio svizzero, i posti di lavoro si concentrano nei centri, dove anche la crescita è più forte. Un buon 70 per cento dei posti di lavoro si trova nei Comuni nucleo degli agglomerati.

Differenze territoriali nell'evoluzione demografica e occupazionale

In Svizzera, tra il 2011 e il 2019, sia la popolazione che gli occupati sono aumentati di circa l'1 per cento all'anno. Una crescita al di sotto della media si è registrata nelle aree rurali, soprattutto quelle periferiche.

Contatto

Osservazione del territorio svizzero

Marco Kellenberger

Stampare contatto

https://www.are.admin.ch/content/are/it/home/raumentwicklung-und-raumplanung/grundlagen-und-daten/raumbeobachtung/bevolkerung-gesellschaft.html