Sviluppare congiuntamente città e campagna

Berna, 18.02.2015 - Il Consiglio federale ha adottato oggi la nuova politica per le aree rurali e le regioni montane come pure l’ulteriore sviluppo della politica degli agglomerati dal 2016. Le nuove misure vanno a sostegno delle città, delle aree rurali e delle regioni montane per favorire uno sviluppo territoriale coerente. Il Consiglio federale vuole in tal modo rafforzare i legami tra città e campagna, migliorare l’armonizzazione delle politiche settoriali e la collaborazione tra Confederazione, Cantoni, città e Comuni come pure consolidare la capacità innovativa e la competitività dello spazio rurale e urbano.

Con la politica degli agglomerati dal 2016 e la politica della Confederazione per le aree rurali e le regioni montane, il Consiglio federale affronta le sfide complesse a livello territoriale. Le esigenze per città e agglomerati sono spesso differenti rispetto a quelle delle aree rurali e delle regioni montane. Mentre nelle città e negli agglomerati i sistemi di trasporto sono sempre più sovraccarichi, aree rurali e regioni montane hanno difficoltà a mantenersi attrattive come spazi vitali ed economici. Entrambi gli spazi sono inoltre confrontati al problema della crescente concentrazione di posti di lavoro nei centri urbani e del traffico del tempo libero che sovraccarica le infrastrutture. Secondo il Consiglio federale, città e campagna non vanno considerate come opposte bensì come espressione delle molteplici sfaccettature della Svizzera.

Il Consiglio federale rafforza lo sviluppo territoriale coerente per città e campagna

La politica degli agglomerati dal 2016 e la politica della Confederazione per le aree rurali e le regioni montane mirano a uno sviluppo territoriale coerente. Le due politiche si completano e si basano entrambe sul Progetto territoriale Svizzera. L'obiettivo è di mantenere la diversità e la competitività della Svizzera, rafforzare la coesione sociale e gestire lo sviluppo dell'urbanizzazione in maniera sostenibile.

Oltre alle misure specifiche per città e agglomerati e per aree rurali e regioni montane, sono previste anche misure trasversali. Il Consiglio federale raccomanda ad esempio un ulteriore sviluppo della Conferenza tripartita sugli agglomerati in una conferenza con due organismi separati per città e aree rurali. Prevede inoltre progetti innovativi in diverse regioni della Svizzera come ad esempio i cosiddetti progetti modello per lo sviluppo sostenibile del territorio e un programma pilota per promuovere lo sviluppo economico delle grandi regioni. Verrà promossa anche la creazione di un sistema regionale di innovazione che permetta il trasferimento di conoscenze e tecnologie. Inoltre una piattaforma comune permette lo scambio di esperienze e la raccolta di informazioni. Con queste misure comuni il Consiglio federale vuole, tra le altre cose, rafforzare la collaborazione tra città e campagna.

Una politica federale per aree rurali e regioni montane

Con la decisione odierna del Consiglio federale, le politiche della Confederazione per le aree rurali e le regioni montane vengono per la prima volta armonizzate tra loro in modo coerente. Le politiche settoriali esistenti vengono meglio coordinate e la cooperazione a livello federale è intensificata. Inoltre viene consolidata la collaborazione tra città e campagna e tra Cantoni e Comuni. Gli attori interessati sul posto saranno maggiormente coinvolti. Verrà inoltre favorita l'elaborazione, da parte degli attori regionali, di una strategia in ambito territoriale per la loro regione.

Strumenti già sperimentati e strumenti nuovi per la politica degli agglomerati

La politica degli agglomerati dal 2016 è il proseguimento della politica degli agglomerati avviata nel 2001 e si basa sulla strategia tripartita per una politica svizzera degli agglomerati elaborata da Confederazione, Cantoni, città e Comuni. Di grande importanza è anche il proseguimento a tempo indeterminato dei programmi d'agglomerato Trasporti e insediamento. Poiché i mezzi previsti dal Fondo infrastrutturale sono quasi esauriti, a breve sarà il Fondo per le strade nazionali e il traffico d'agglomerato (FOSTRA) ad assicurarne il finanziamento. I programmi d'agglomerato migliorano la collaborazione tra città, agglomerati e regioni rurali e di confine adiacenti per i progetti di trasporto con effetti territoriali.

Con il rapporto sulla politica globale delle aree rurali e delle regioni montane, il Consiglio federale attua il provvedimento 69 del programma di legislatura 2011-2015 («definire una politica globale delle aree rurali») in risposta alla mozione Maissen «Strategia della Confederazione per le regioni di montagna e le aree rurali».


Indirizzo cui rivolgere domande

Stephan Scheidegger
Direttore supplente dell’Ufficio federale per lo sviluppo del territorio (ARE)
+41 58 464 25 97, stephan.scheidegger@are.admin.ch

Eric Jakob
Capo della Direzione per la promozione della piazza economica, SECO
+41 58 462 21 40, eric.jakob@seco.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Ufficio federale dello sviluppo territoriale
https://www.are.admin.ch/are/it/home.html

Segreteria di Stato dell'economia
http://www.seco.admin.ch

https://www.are.admin.ch/content/are/it/home/media-e-pubblicazioni/comunicati-stampa/medienmitteilungen-im-dienst.msg-id-56254.html