Strategia per uno sviluppo sostenibile 2016-2019

Nella sua Strategia per uno sviluppo sostenibile, il Consiglio federale definisce il quadro di orientamento politico in materia di sviluppo sostenibile. La Strategia illustra infatti i principali indirizzi politici a medio-lungo termine stabiliti dal Consiglio federale nell’ambito dello sviluppo sostenibile. Il piano di azione contenuto nella Strategia indica inoltre le misure che la Confederazione attuerà a tale scopo nel corso del periodo di legislatura. La Strategia presenta infine i contributi forniti dalla Svizzera, nel periodo di legislatura in corso, a favore della nuova «Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile» globale (Agenda 2030), adottata dalle Nazioni Unite.

Lo sviluppo sostenibile e la sua promozione da parte della Confederazione costituiscono un mandato costituzionale (artt. 2, 54 e 73 Cost.). Dal 1997 il Consiglio federale stabilisce i suoi obiettivi politici per l'attuazione dello sviluppo sostenibile in Svizzera tramite una strategia, che rappresenta quindi un quadro di orientamento per importanti settori in cui il nostro Paese intende svilupparsi ulteriormente. L'obiettivo della Strategia è garantire a livello nazionale un politica coerente dello sviluppo sostenibile, che preveda anche un coordinamento delle attività della Confederazione e una collaborazione con i Cantoni, i Comuni, l'economia e la società civile.

La quinta Strategia per uno sviluppo sostenibile, adottata nell'ambito del programma di legislatura 2015-2019, prevede obiettivi tematici comuni, con una visione a lungo termine e obiettivi concreti della Confederazione entro il 2030. L'Agenda 2030, adottata nel settembre 2015 dalle Nazioni Unite, ha già svolto un ruolo fondamentale nella definizione degli attuali obiettivi principali e in futuro si prevede di rafforzare maggiormente questo allineamento. A lungo termine, infatti, la Svizzera mira a un orientamento il più ampio possibile coerente con l'Agenda 2030, al fine di garantire il raggiungimento dei relativi obiettivi per uno sviluppo sostenibile (sustainable development goals, SDG) entro il 2030.

Per raggiungere gli obiettivi formulati nella Strategia, è stato definito un piano di azione suddiviso in nove campi di intervento con misure di politica interna per il periodo 2016-2019. Inoltre, la Strategia rivolge particolare attenzione all'impegno internazionale della Svizzera, poiché nell'attuazione dello sviluppo sostenibile il maggiore coordinamento tra politica interna e politica estera ha assunto un ruolo molto importante. Infine, la Strategia descrive i principali strumenti e le disposizioni prese per l'attuazione dello sviluppo sostenibile da parte dell'Amministrazione federale.

La politica dello sviluppo sostenibile è un processo lungo che necessita di una collaborazione fra tutti i livelli dello Stato e i partner dell'economia, della società civile e del mondo scientifico. Per tale motivo tutti questi attori sono già stati coinvolti in un dialogo con gli stakeholder in vista del rinnovo della Strategia. I risultati emersi da questo dialogo sono confluiti nella presente Strategia (vedi rapporto di sintesi). La collaborazione tra gli attori dovrà continuare in un processo continuo, caratterizzato sempre più dall'Agenda 2030 e in particolare dai relativi obiettivi SDG. I processi partecipativi per una politica nazionale e internazionale dello sviluppo sostenibile verranno perciò condotti in un «Dialogo 2030 per uno sviluppo sostenibile» comune.

L'Ufficio federale dello sviluppo territoriale (ARE) è responsabile della politica di sviluppo sostenibile a livello federale e della Strategia per uno sviluppo sostenibile. Il coordinamento interno a livello federale è di competenza del Comitato interdipartimentale sullo sviluppo sostenibile (CISvS) e coinvolge circa 35 unità amministrative federali.


https://www.are.admin.ch/content/are/it/home/sviluppo-sostenibile/politica-e-strategia/strategia-per-uno-sviluppo-sostenibile-2016-2019.html