Collaborazione regionale

La collaborazione regionale oltre i confini comunali e cantonali assume sempre più importanza. Quattro progetti modello, due dei quali inseriti nel contesto città-campagna, hanno esaminato queste relazioni. È emerso che la delimitazione regionale, le regole che guidano i processi decisionali e i contenuti concreti della cooperazione sono fattori decisivi alla base di una collaborazione regionale efficace.

Il mutamento delle condizioni territoriali e socioeconomiche nelle città e negli spazi rurali svizzeri influenza profondamente l'evolversi dei rapporti fra i Comuni. L'evoluzione non uniforme della popolazione, la crescente mobilità, le maggiori interdipendenze funzionali nonché la creazione e il mantenimento comune delle infrastrutture fanno della collaborazione una priorità assoluta. L'auspicata cooperazione regionale deve fare i conti con una serie di problemi specifici, in primis le dimensioni talvolta molto disomogenee dei Comuni e la loro identità molto varia. Anche nelle prospettive di sviluppo si delineano spesso divergenze nette. La collaborazione regionale offre d'altro canto innumerevoli opportunità che i progetti modello hanno cercato di valorizzare, vale a dire realizzare i potenziali esistenti, identificare e svolgere in modo più efficiente i compiti comuni, analizzare per tempo le possibili differenze e consolidare la propria posizione nell'ottica cantonale e nazionale. Già nella prima generazione di progetti modello (2002-2007) si è posto l'accento sul rafforzamento della collaborazione regionale.

I progetti modello si sono focalizzati sulla collaborazione fra autorità comunali e cantonali, coinvolgendo dove opportuno anche attori economici e la popolazione. I responsabili dei progetti modello hanno saputo affrontare le singole sfide e hanno sviluppato diverse proposte risolutive. Simili esperienze sono fondamentali per elaborare a fondo questo tema considerato centrale ai fini dello sviluppo futuro del territorio.

Progetti modello

Nel progetto modello sono stati esaminati i benefici e gli svantaggi di una «fusione tra Comuni» e di una «rafforzata cooperazione».<br />

Lucerna – Regione urbana forte

La città di Lucerna e i Comuni del suo agglomerato (Adligenswil, Ebikon, Emmen e Kriens), nell’intento di unire le loro forze a favore di una regione urbana più concorrenziale, hanno deciso di esaminare due scenari: consolidare la cooperazione oppure procedere alla fusione.

Il Sempachersee è un elemento caratterizzante e un importante spazio ricreativo della regione Sursee-Mittelland.<br />

Sursee - regione urbana forte

Per garantire al Mittelland lucernese uno sviluppo a lungo termine è stato istituito un ente regionale incaricato di coordinare gli interessi e le esigenze dei Comuni, ma anche delle varie istituzioni e organizzazioni presenti sul territorio.

Lo Zurzibiet comprende 26 Comuni che hanno sottoscritto una carta per lo sviluppo regionale comune.<br />

Visione per Bad Zurzach e dintorni

I Comuni della regione argoviese di Bad Zurzach intendono affrontare uniti il loro futuro: assieme al consorzio di pianificazione, al forum economico regionale e con il sostegno delle autorità cantonali hanno pertanto delineato un quadro d’insieme, la «Visione Zurzibiet», verso il quale procedere nella gestione a lungo termine del loro territorio.

Sono più di 90 i Comuni che collaborano nel quadro della conferenza regionale Bern-Mittelland<br />

Bernplus – Cooperazione tra città e campagna

Il progetto modello «Bernplus – Cooperazione tra città e campagna» ha avuto buoni risultati: nella regione del Mittelland bernese, da sei organizzazioni intraregionali e due conferenze tematiche è stata costituita un’unica Conferenza regionale.

Contatto

Ufficio federale dello sviluppo territoriale ARE

+41 58 462 40 64

3003 Berna

 

Segretariato di Stato dell'economia SECO

3003 Berna

+41 58 462 28 73

Stampare contatto

https://www.are.admin.ch/content/are/it/home/raumentwicklung-und-raumplanung/programme-und-projekte/modellvorhaben-nachhaltige-raumentwicklung/modellvorhaben-nachhaltige-raumentwicklung-2007-2011/regionale-zusammenarbeit.html